News

300170  3

Kick-off meeting del progetto WATDEV

10 May 2022

 

Aumentare la sostenibilità della gestione delle acque agricole e la resilienza degli agroecosistemi al cambiamento climatico in Africa orientale e in Egitto è l’obiettivo di WATDEV (Climate Smart WATer Management and Sustainable DEVelopment for Food and Agriculture in East Africa), progetto che sarà avviato l'11 maggio al CIHEAM Bari, ore 9.

Il progetto si svolgerà in Kenya, Etiopia, Sudan e Egitto: Paesi in cui è necessario migliorare il settore agricolo per creare posti di lavoro, aiutare a sradicare la povertà e migliorare la sicurezza alimentare e il benessere umano.

Grazie a WATDEV i ministeri e le istituzioni di ricerca potranno migliorare le loro conoscenze; gli agricoltori e gli attori locali saranno in grado di migliorare le proprie competenze sulla gestione dell'acqua, adottando soluzioni innovative e sostenibili.

Il Progetto, della durata di 4 anni, è finanziato dall’Unione Europea, attraverso il Programma di ricerca DeSIRA. L’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) del Ministero degli Affari Esteri è l’Ente esecutore, mentre il Centro Internazionale di Alti Studi Agronomici del Mediterraneo di Bari (CIHEAM Bari) è il capofila tecnico e scientifico.

I partner scientifici del progetto sono Centri di ricerca nazionali su suolo, acqua e ambiente di Sudan, Kenya, Uganda, Etiopia, Egitto, Olanda e Finlandia, insieme con il CNR –Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante di Torino.

L’incontro sarà introdotto da Maurizio Raeli, direttore del CIHEAM Bari, Martino Melli, direttore AICS Cairo, Pietro Pipi, direttore ufficio Sviluppo rurale e sicurezza alimentare dell’AICS. 

Previsto l’intervento, tra gli altri, di Etienne Coyette, Commissione Europea – Direzione Generale Partenariati Internazionali (DG INTPA).

La riunione servirà a definire le metodologie esecutive e a pianificare le tempistiche specifiche di realizzazione delle attività progettuali, con particolare riferimento al primo anno, e si avvarrà del contributo di tutti i rappresentanti degli Enti partner.

Agenda