News

300 170

Forum della Cooperazione allo Sviluppo - Il legame tra sicurezza alimentare e cambiamento climatico nel Mediterraneo | Roma, 5 dicembre 2019

04 December 2019

Definire il cambiamento climatico nel Mediterraneo come un fenomeno complesso e multidimensionale non scindibile dalla sicurezza alimentare e costruire un percorso comune che possa favorire la cooperazione tra le due sponde, attivando nuove idee e riorientando gli approcci tradizionali per affrontare le sfide comuni a livello regionale, sono gli obiettivi dell’edizione 2019 di Pre-Med: Dialoghi Mediterranei, il Forum della Cooperazione allo Sviluppo, in programma il 5 dicembre p.v. (ore 9), al Grand Hotel Parco dei Principi di Roma.

L’evento dal titolo Il legame tra sicurezza alimentare e cambiamento climatico nel Mediterraneo, organizzato da Ministero degli Affari Esteri italiano (MAECI/DCGS) e CIHEAM Bari sarà incentrato sulle dimensioni sociale, economica e ambientale della sostenibilità, allo scopo di individuare gli ambiti politici e i settori coinvolti in questo “legame”. In particolare si cercherà di individuare i percorsi di transizione verso sistemi agricoli e alimentari a basse emissioni e resistenti ai cambiamenti climatici; illustrare politiche e strategie di adattamento e mitigazione; condividere buone pratiche incentrate sulla riduzione della vulnerabilità delle persone ai cambiamenti climatici. Infine, si cercherà di evidenziare i ruoli della ricerca e dell'innovazione nell'affrontare la sfida dei cambiamenti climatici.

Apriranno i lavori Emanuela Del Re, vice Ministra agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Maurizio Raeli, direttore del CIHEAM Bari, Ugo Tramballi, senior advisor dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI).

Il Forum proseguirà con gli interventi di Grammenos Mastrojeni, vice Segretario Generale dell’Unione per il Mediterraneo, Ayman Abu Hadid, professore dell’Università Ain Shams del Cairo, Wafaa Dikah Hamze, consigliera principale del ministro dell'Agricoltura del Libano, Valeria Emmi, coordinatrice dell’Avvocatura del CESVI Onlus, Demetrio Innocenti, Fondo verde per il clima, Alexander Jones, direttore della Divisione Clima e Ambiente della FAO, Luca Maestripieri, direttore dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Stefano Manservisi, ex direttore generale, ex ambasciatore Commissione Europea, Antonio Navarra, Presidente del Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici IPCC, Miriam Traore Chazalnoel, specialista senior in migrazione, ambiente e cambiamenti climatici dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (IOM), Giovanni Tula, responsabile sostenibilità di Enel Green Power.

Le conclusioni saranno affidate a Sergio Pagano, vice direttore generale per la Cooperazione allo Sviluppo.

I lavori saranno coordinati dal giornalista Rai, Paolo Longo.

Il Forum Pre-Med precede la quinta edizione di Rome MED – Mediterranean Dialogues (dal 5 al 7 dicembre), iniziativa promossa da Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e ISPI. Il MED rappresenta uno dei principali fori globali di riflessione e dialogo per la definizione di un’agenda positiva per il futuro del Mediterraneo “allargato”.